Frutto prezioso

Non è difficile nei paesi come Turchia e Grecia (in questo caso specifico a Rodi), imbattersi in maioliche, stemmi, gioielli, sculture, etc… raffiguranti un frutto tipico e di enorme importanza simbolica. La melagrana.
La si può trovare veramente ovunque!

Oltre ai numerosi antichi ritrovamenti ceramici sull’isola greca di Rodi, oggi, passeggiando per le vie di qualsiasi città turca è inevitabile non scorgere decorazioni dedicate al frutto o al fiore dello stesso. Non solo, in ogni angolo di strada abbondano i venditori di spremuta di melagrana. Queste postazioni, in Turchia, stanno ai chioschi degli hot-dog a New York City o a quelli della piadina in Romagna.

Ad Avanos, città della Cappadocia, abbiamo conosciuto un ceramista che aveva un piano del laboratorio (completamente interrato e raggiungibile attraverso un tunnel scavato nella roccia) dedicato al prezioso frutto. Centinaia e centinaia di melagrane riprodotte con la terra macinata del posto e smaltate in rosso dalla moglie. Non potevamo non prenderne una come ricordo.

Nasce così l’idea per un’interpretazione Ossi di Seppia, un anello in argento massiccio con il frutto del melograno in cima.

Statisticamente questo frutto si pensa contenga circa 613 grani rosso rubino.